Benvenuti sul sito di Pair

Close Icon

L’impegno di UBI Banca per il Terzo Settore

La pubblicazione annuale dell’“OSSERVATORIO UBI BANCA SU FINANZA E TERZO SETTORE” si inserisce in un percorso strategico di comprensione e di un più efficace servizio al mondo del non profit compiuto da UBI Banca, che dal 2011 si è dotata di una struttura  organizzativa dedicata alla gestione dei rapporti con la clientela appartenente al settore non profit (Enti, Associazioni e Terzo Settore), denominata UBI Comunità: uno specifico modello di servizio che comprende una piattaforma di prodotti e servizi su misura, studiati per soddisfare le peculiari esigenze delle organizzazioni non profit laiche e religiose.
“L’Osservatorio conferma il consolidamento e la crescita delle imprese sociali (in particolare le cooperative sociali) nei nuovi mercati dei servizi alla persona ed ambientali, alimentati dalla crescente domanda pagante che i cittadini e le imprese stanno rivolgendo  verso questi servizi” – afferma Rossella Leidi, Chief Business Officer di UBI Banca – “In questo scenario, a fronte della previsione di un maggior ricorso al sistema bancario a copertura degli investimenti, aumenta la rilevanza strategica di costruire relazioni stabili e personalizzate con gli istituti di credito”.
“La IV edizione della rilevazione conclude un ciclo che ha posto sotto la lente di ingrandimento le principali tipologie di organizzazioni non profit: associazioni, fondazioni, cooperative sociali e imprese sociali Srl” – spiega Guido Cisternino, responsabile Enti Associazioni e Terzo Settore – “Da questa fotografia del Terzo Settore emerge un quadro complessivo che conferma la valenza  della scelta di specializzarci e di investire su un settore che fa e farà sempre più in futuro- della dimensione produttiva una leva per generare valore sociale”.
“L’Osservatorio dà stabilità ad una evidenza” aggiunge
Paolo Venturi, direttore di AICCON – “la relazione con le organizzazioni non profit richiede un approccio personalizzato. La personalizzazione va perseguita tanto negli strumenti finanziari, quanto nelle metodologie di valutazione del credito. Essendo orientate a produrre valore sociale (congiuntamente a quello economico) le organizzazioni non profit e le imprese sociali cercano partner bancari capaci di “dare valore” alle proprie peculiarità.”

Fonte: Non Profit Online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizi convenzionati