Benvenuti sul sito di Pair

Close Icon

Yoza, dall’Uganda la app per fare il bucato e sostenere l’occupazione femminile

L’idea è venuta a due giovani ugandesi. A Kampala, Yoza mette in contatto chi non ha tempo di fare il bucato con le lavandaie nei paraggi. Un modo per dare lavoro a tante madri single che, grazie a un’idea tanto semplice quanto innovativa, riescono a mantenere i propri figli

BOLOGNA – Yoza è un servizio lavanderia. Yoza è una app che a Kampala, capitale dell’Uganda, mette in contatto persone che hanno la necessità, ma non la possibilità – o la voglia – di fare il bucato e persone che sono disponibili a farlo al loro posto. Yoza – in luganda, la lingua più diffusa in Uganda, significa ‘lavare’ – è stata inventata da Solomon Kitumba e Nicholas Kamanzi, due neolaureati, fiore all’occhiello dello brillante vena tecnologica e informatica che si è sviluppata nello Stato africano. Dall’e-commerce alla programmazione passando per le start-up, tanti giovani stanno sfidando il mercato globale, portando lavoro nel loro Paese d’origine.

Usare Yoza è molto semplice: si scarica la app, si viene geolocalizzati e vengono visualizzate le lavandaie disponibili nelle vicinanze. Ci si mette in contatto, ci si scambiano gli abiti da lavare e il gioco è fatto. Secondo il progetto dei due ragazzi, Yoza – una specie di Uber delle lavanderie – nasce fare incontrare domanda e offerta: la domanda di studenti e uomini d’affari con l’agenda fitta di impegni e l’offerta delle tante lavandaie in cerca di qualche cliente in più per arrotondare (la disoccupazione – soprattutto quella femminile – in Uganda è ancora alta). Come Naiga, mamma single che lava – a mano – i panni degli altri per pagarsi l’affitto e prendersi cura del suo bambino di 9 mesi. A oggi, le donne che si sono registrare per far parte della rete sono 150: nel 90 per cento dei casi si tratta di donne, 1 su 3 è una madre single.

Ma se tra studenti e professionisti gli smartphone sono già molto diffusi, tra le donne potenzialmente coinvolgibili molto meno: su questo, i due giovani fondatori, hanno detto di volere lavorare. Un’idea potrebbe essere quella di fornirli direttamente, previa adeguata formazione. Per il momento, ai clienti viene fornito un elenco di numeri telefonici di donne disponibili a fare il bucato, altrimenti difficili da cercare e trovare. “La maggior parte delle donne che si sono registrate ha visto raddoppiare le entrate – raccontano –. Chi guadagnava 6 dollari ogni weekend, ora ne guadagna 28, anche 40. E chi prova il servizio una volta, ci richiama anche una seconda, una terza volta. Restano sempre tutti contenti. È anche molto conveniente”, spiegano i ragazzi. L’80 per cento di quanto paga il cliente va alle lavandaie, il 20 a Yoza. Per facilitare i pagamenti, è possibile acquistare pacchetti di prestazioni: c’è quello perfetto per gli studenti (che dura un semestre: 16 lavaggi per l’equivalente di 26 euro), quello standard, quello per le famiglie e quello per i single (questi ultimi due includono la pulizia della casa e la stiratura dei capi lavati).

Kitumba racconta che l’idea gli è venuta da un’esperienza personale: “Una mattina mi sono svegliato, e mi sono accorto della montagna di abiti che aspettavano di essere lavati, anche perché avrei dovuto utilizzarli nei giorni seguenti. Ma ero stato in giro tutta la notte, e non ne avevo la minima voglia. Così, ho pensato di chiedere in giro, cercando qualcuno che lo facesse al mio posto. Fortunatamente ho trovato una donna che abitava a pochissimi passi da casa mia, madre single di due bambini. Faceva la lavandaia: le chiesi di aiutarmi, lei accettò. Yoza è nata in quel momento”.

Kitumba e Kamanzi lo scorso anno hanno vinto l’MTN Innovation Challenge, un premio di 5 mila dollari per la mobile app più innovativa. Oggi, con 400 download su Google Play, Yoza ha l’obiettivo di ampliare il proprio business. I fondatori hanno già ricevuto oltre mille richieste da soddisfare entro la fine dell’anno, e puntano ad esportare l’app a Nairobi e Kigali entro il 2018. “Vogliamo che chiunque usi Yoza, per riempire il mondo di bolle – sorride Kitumba –. Lavoriamo per raggiungere più clienti possibile, il primo passo per dare un lavoro a sempre più persone”. Intanto, oltre al lavaggio a mano hanno incluso nella proposta anche quello a secco.

Fonte: RedattoreSociale

Comments are closed.

Servizi convenzionati