Benvenuti sul sito di Pair

Close Icon

Profughi soccorritori nelle ambulanze, il progetto di Anpas Toscana

Formazione di volontariato ai richiedenti asilo del territorio, che saranno seguiti da tutor abilitati. Poi l’esame finale e l’eventuale soccorso a bordo dei mezzi di emergenza

FIRENZE – Profughi a lezione di soccorso e sulle ambulanze. E’ il progetto delle Pubbliche assistenze toscane, che formeranno i migranti ai valori del volontariato. E’ il senso del progetto ‘Humanitas’.

“Riteniamo che le attività di volontariato – ha detto il referente di Anpas Toscana per le politiche sociali, Andrea Nuti – se in rete con quelle degli altri soggetti, opportunamente progettate e gestite, possano essere il primo momento per l’integrazione sociale e un possibile inserimento lavorativo. Per questo le associazioni hanno e dovranno sviluppare ancora di più un ruolo fondamentale nell’accoglienza e nei processi di integrazione dei migranti e richiedenti protezione. Un ruolo educativo per lo sviluppo di competenze sociali, civiche, linguistiche e culturali”.

Il progetto propone il volontariato come un’esperienza formativa a valenza sociale. Dopo la fase di accoglienza, in cui il richiedente è un mero beneficiario di servizi di assistenza, grazie alla formazione diretta in associazione, il migrante diventerà protagonista attivo del suo percorso di integrazione. In fase sperimentale, la Croce Azzurra di Pontassieve, l’Humanitas di Scandicci e L’Avvenire di Prato, sez. Vaiano, ospiteranno richiedenti o titolari di protezione per un totale di quattordici settimane (circa 100 ore totali). I migranti saranno seguiti in associazione da tutor debitamente abilitati. Le persone inserite nel progetto, prenderanno parte al percorso formativo organizzato da Anpas Toscana con incontri di formazione generale sul ruolo del volontariato nella nostra società e sul funzionamento del mondo del lavoro e delle competenze spendibili. Seguirà un momento di formazione specifica che, previo superamento di un esame finale, darà l’abilitazione di soccorritori di livello base.

Fonte: Redattore sociale

Comments are closed.

Servizi convenzionati