Benvenuti sul sito di Pair

Close Icon

Servizio civile per rifugiati

Servizio civile per rifugiati, ora è possibile. “Scelta di solidarietà”

Intesa tra presidenza del Consiglio dei ministri, ministero dell’Interno e ministero del Lavoro e delle politiche sociali. L’impegno è quello di sviluppare azioni mirate a garantire percorsi di inserimento sociale ai titolari di protezione internazionale e umanitaria, migliorare la loro occupabilità e valorizzarne le competenze. Manzione: “Un passo piccolo ma che va nella giusta direzione”

“È stato sottoscritto oggi il protocollo d’intesa con cui la presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, il ministero dell’Interno e il ministero del Lavoro e delle politiche sociali si impegnano a sviluppare azioni mirate a garantire percorsi di inserimento sociale ai titolari di protezione internazionale e umanitaria, attraverso attività di impegno civico nell’ambito dei progetti di Servizio civile nazionale. “Obiettivo principale delle azioni che vengono promosse nell’ambito del protocollo – si legge un una nota – è quello di supportare l’autonomia dei titolari di protezione internazionale e umanitaria, migliorare la loro occupabilità e valorizzare le loro competenze“.

In particolare “i settori di intervento in cui potranno essere attivati i progetti di Servizio civile nazionale sono: assistenza (tutela dei diritti sociali e servizi alla persona); protezione civile; ambiente; patrimonio artistico e culturale; educazione e promozione culturale. L’ottica entro cui sviluppare gli interventi è quella della solidarietà sociale, della tutela dei diritti civili, della formazione, della promozione della cultura della legalità, dell’integrazione e dell’inclusione sociale”.

Spiega il sottosegretario al Lavoro, Luigi Bobba: “Il protocollo costituisce un’occasione per cominciare a dare attuazione alla riforma del Servizio civile universale che prevede la possibilità di svolgere il Servizio civile anche per coloro che non sono cittadini italiani ma che risiedono regolarmente sul nostro territorio. Rappresenta altresì una modalità di attuazione del piano d’azione sull’integrazione dei cittadini dei Paesi terzi, promosso dalla Commissione europea il 7 giugno 2016, che prevede proprio il sostegno agli Stati membri nel processo di integrazione dei cittadini terzi e nella valorizzazione del contributo economico che apportano all’Ue”. Inoltre, si legge ancora nel comunicato, “per lo sviluppo di questi progetti di Servizio civile saranno utilizzate risorse del Fami (Fondo asilo migrazione e integrazione), espressamente dedicato al sostegno delle politiche di accoglienza e di integrazione dei richiedenti asilo, nel rispetto dei principi riconosciuti dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Ue”.
La sottosegretaria Franca Biondelli dice: “Sono davvero molto soddisfatta dell’intesa firmata oggi che delinea un percorso, nel segno della solidarietà sociale, capace di coniugare aspetti diversi nell’ambito di progetti di grande valenza volti a favorire l’inclusione e la crescita dell’autonomia delle persone coinvolte, nel segno di una condivisione di valori e regole fondanti”.

“Le parti firmatarie, rappresentate dal sottosegretario di Stato del ministero del Lavoro e delle politiche sociali con delega alle politiche giovanili ed al Servizio civile nazionale Luigi Bobba, dal sottosegretario di Stato del ministero dell’Interno con delega alle libertà civili e all’immigrazione Domenico Manzione e dal sottosegretario di Stato del ministero del Lavoro e delle politiche sociali con delega all’immigrazione e alle politiche di integrazione Franca Biondelli, si impegnano, con la sottoscrizione del protocollo, ad attivare forme di collaborazione anche rispetto alle specifiche azioni di informazione e comunicazione rivolte ai titolari di protezione internazionale e umanitaria”.
Per Manzione “l’accordo rappresenta un primo passo verso l’integrazione delle persone alle quali è stata riconosciuta la protezione internazionale o la protezione umanitaria. E’ un passo piccolo ma importante e va nella giusta direzione. Ovviamente ne siamo molto soddisfatti e ringraziamo per la piena collaborazione che si è instaurata fra il ministero dell’Interno, la presidenza del Consiglio e il ministero del Lavoro”. Bobba conclude: “L’avviso per la presentazione dei progetti sarà emanato dal dipartimento della Gioventù e riguarderà quasi 3000 volontari e con soddisfazione sottolineo l’efficace sinergia che si è creata tra le tre amministrazioni, finalizzata al raggiungimento di importanti obiettivi comuni”.

da Redattore Sociale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizi convenzionati